• banner_01titlenew.jpg
  • banner_02perizie.jpg
  • banner_03sociale.jpg
  • banner_04lavoro.jpg
  • banner_05formazione.jpg
  • banner_06persona.jpg
Simposio2008-174.jpg

Perché Appunti Grafologici?
Il nome Appunti Grafologici nasce come richiamo agli studi di Padre Girolamo Moretti, uno dei fondatori della Grafologia italiana, alla cui scuola, guidata dal Prof. Sergio Deragna, si sono formati Micaela Simione e Fabio Silvestri, entrambi diplomati in Consulenza Grafologica Peritale, Giudiziaria ed Età Evolutiva presso l’Università L.U.M.S.A. (Libera Università Maria Santissima Assunta) di Roma, ed iscritti all’Associazione Consulenti Grafologi (A.C.G.).

Che cos’è Appunti Grafologici?
Appunti Grafologici pensa se stessa come agenzia di servizi grafologici integrati, in cui le diverse competenze e provenienze accademiche di Micaela Simione e di Fabio Silvestri si fondono in un unico progetto, fondato sul concetto di unire i rapporti tra i gesti ed i segni con la dimensione spaziale e temporale, nella consapevolezza che il collegamento del segno al gesto non dipende, unicamente, dalle necessità e dalle intenzioni che generano un segno, ma anche dai parametri che lo definiscono. Poiché, infatti, “i segni sono risultanti necessarie, tra il razionale e l’irrazionale, di un nostro modo di essere” (G.Strazza, Il gesto e il segno, Roma,1995, pag.13), ne consegue che ”ciò che deve fare il Grafologo è interpretare i significati simbolici della scrittura avendo presente le radici neurobiologiche del pensiero e delle strutture emozionali e corticali implicate” (S.Deragna, Grafologia e neuroscienze, Roma, 2002, pag.132).

Perché un agenzia di servizi grafologici integrati?
Appunti Grafologici mira a fornire pareri grafologici in risposta a tutte le domande che possono provenire dai diversi settori professionali e dai diversi aspetti della vita di tutti i giorni che richiedono il sussidio di una Consulenza grafologica, condotta esclusivamente sulla base degli strumenti grafologici. Non pretendendo, quindi, di supplire i ruoli istituzionali presenti in ogni singola area di intervento, ma puntando ad offrire determinanti strumenti sussidiari. Il che può avvenire nel campo strettamente giudiziario, in quello più ampiamente peritale, ed in quello legato ai diversi problemi dell’infanzia, dell’età evolutiva, dell’indagine delle tendenze e delle abilità proprie di ciascun individuo, della selezione e della ricollocazione del personale per enti ed aziende, e del delicato processo di orientamento e ri-orientamento scolastico.